Devi sostituire CentOS 8 per i tuoi server Linux di produzione? Ecco le migliori alternative!

CentOS è una delle distribuzioni server più popolari al mondo, basata su kernel Linux. È un fork open source di Red Hat Enterprise Linux (RHEL) e fornisce tutti i vantaggi di RHEL senza dover affrontare il costo associato a RHEL.

Tuttavia, le cose sono cambiate di recente. Red Hat sta convertendo CentOS stabile in un modello di rilascio progressivo sotto forma di CentOS Stream.

CentOS 8 avrebbe dovuto essere supportato fino al 2029, ma ora sarà forzatamente interrotto entro la fine del 2021.

Se stai usando CentOS per i tuoi server, dovresti iniziare a pensare ad una valida alternativa.

La prima e più importante scelta per sostituire CentOS 8 è CentOS Stream. Il processo per aggiornare CentOS 8 a CentOS Stream è semplice e non devi preoccuparti di reinstallare nulla.

LEGGI ANCHE: Come installare CentOS 8

Tuttavia, poiché CentOS Stream è per sua natura a rilascio progressivo, potresti prendere in considerazione qualcosa che sia più stabile per un server di produzione. Ti aiuterò con questa decisione suggerendo alcuni consigli in questo articolo.

Distribuzioni Linux server basate su RHEL che potresti prendere in considerazione per sostituire CentOS 8

Inizierò l’elenco con alcuni dei fork RHEL che vengono sviluppati con l’unico scopo di sostituire CentOS 8. Dopodiché, elencherò alcune distribuzioni Linux per server che potresti utilizzare immediatamente.

Rocky Linux (in fase di sviluppo)

Lo stesso giorno in cui Red Hat ha annunciato i suoi piani per sostituire la versione stabile CentOS 8 con il rilascio progressivo CentOS Stream, lo sviluppatore originale di CentOS ha annunciato un nuovo progetto per fornire il fork RHEL agli utenti di CentOS.

Questo nuovo progetto si chiama Rocky Linux. Prende il nome dalla memoria di uno dei co-creatori del progetto CentOS originale. È stato biforcato da RHEL 8 e mira a essere “compatibile al 100% bug per bug con Red Hat Enterprise Linux”.

Il progetto è in rapido sviluppo e potrebbe non essere utilizzabile al momento. Ma questa è una delle migliori scelte per sostituire CentOS 8 quando il supporto terminerà entro la fine del 2021.

Progetto Lenix (in fase di sviluppo)

Questo è un altro fork RHEL creato il giorno dopo l’annuncio di CentOS Stream che diventa l’impostazione predefinita.

Il progetto Lenix è stato creato da CloudLinux, un servizio orientato alle imprese che fornisce server CentOS personalizzati da diversi anni ormai. Considerando i loro anni di esperienza con CentOS e server aziendali, Project Lenix dovrebbe essere un promettente fork RHEL per sostituire CentOS Stream.

Oracle Linux

Si tratta di un fork RHEL, non solo pronto per l’uso, puoi anche migrare dall’installazione CentOS esistente a Oracle Linux senza reinstallarlo.

Oracle Linux è disponibile dal 2006. È compatibile al 100% con i codici binari delle applicazioni per Red Hat Enterprise Linux (RHEL) e fornisce un equivalente a ciascuna versione di RHEL. E non è necessario firmare alcun accordo con Oracle per l’utilizzo di Oracle Linux.

Oracle Linux viene fornito con due scelte di kernel Linux: Unbreakable Enterprise Kernel (UEK) per Oracle Linux o Red Hat Compatible Kernel (RHCK).

L’unica cosa da tenere a mente è che il track record di Oracle non è molto buono con i progetti open source e probabilmente questo è il motivo per cui un vero fork della comunità sotto forma di CentOS è stato preferito a Oracle Linux. Con CentOS sostituito con CentOS Stream, forse è il momento giusto per dare una possibilità a Oracle?

ClearOS (da HP)

ClearOS è offerto da HP sui suoi server HPE ProLiant. Sebbene non sia chiaramente menzionato sul loro sito Web, ClearOS è basato su RHEL e CentOS.

Clear Center e HPE hanno collaborato a questo progetto. ClearOS open source è disponibile gratuitamente per la comunità. Hanno il loro marketplace di app con un mix di applicazioni gratuite e a pagamento. Non paghi per il sistema operativo ma potresti dover pagare per le app, se ne scegli una a pagamento.

Potrebbe non essere così popolare, ma con CentOS Stream che diventa predefinito, ClearOS sta per guadagnare una certa base di utenti, se HP gioca bene le sue carte. Lo faranno? Non ne sono così sicuro. Oracle sta cercando di attirare gli utenti di CentOS, ma non ho visto simili sforzi da parte di HP.

Springdale Linux (progetto accademico della Princeton University)

Un fork di Red Hat gestito da accademici? Ti starai chiedendo se mi sto riferendo a Scientific Linux, giusto? Ma Scientific Linux è morto da oltre un anno.

Springdale Linux (SDL) è un altro progetto simile della Princeton University. In precedenza era noto come PUIAS (Princeton University Institute for Advanced Study).

Non esiste ancora un equivalente RHEL 8 di Springdale Linux che dia qualche suggerimento sulla velocità di sviluppo.

Sostituire CentOS 8 con distribuzioni server che non sono basate su Red Hat

Finora, l’elenco che ho fatto per sostituire CentOS 8 con un altro sistema operativo Linux, menziona le distribuzioni basate su Red Hat. È il momento di esaminare alcune delle distribuzioni server che non hanno nulla a che fare con RHEL, ma sono comunque una buona scelta per il tuo server di produzione.

YunoHost (appositamente personalizzato per i server web)

YunoHost è basato su Debian e personalizzato allo scopo di fornirti un sistema per l’hosting dei tuoi server web.

Puoi usarlo su schede ARM come Raspberry Pi, vecchi desktop e computer ovviamente su server privati ​​virtuali.

YunoHost fornisce anche un’interfaccia di amministrazione basata sul web (ispirata a Webmin?) In modo da poter gestire graficamente il sistema. Questo è un grande sollievo per chi vuole ospitare un server web ma senza entrare troppo nella complessità della riga di comando.

Debian Linux

Debian 9Debian è un sistema operativo universale, e fornisce una distribuzione server solida come una roccia. Una scelta ideale per chi desidera un sistema stabile.

Se hai investito molto tempo e abilità in CentOS, potresti trovare Debian leggermente diversa, specialmente il sistema di gestione dei pacchetti. Anche se, credo, non dovrebbe essere un grosso problema per un amministratore di sistema Linux esperto.

openSUSE

opensuse leap

SUSE è uno dei diretti concorrenti di Red Hat. Hanno l’offerta aziendale sotto forma di SUSE Linux Enterprise. Anche la loro offerta open source openSUSE è abbastanza popolare, sia come desktop che come server.

openSUSE rappresenta una buona scelta per una distribuzione Linux per server. Le persone di questi tempi non capiscono quale sollievo abbia portato lo strumento YAST di SUSE agli utenti negli ultimi anni ’90 e all’inizio degli anni 2000. È ancora un’utilità utile per la gestione del sistema SUSE.

openSUSE è disponibile in due formati: il rilascio progressivo Tumbleweed e il rilascio temporaneo stabile Leap. Immagino che tu stia cercando stabilità, quindi Leap è ciò a cui dovresti mirare.

Ubuntu

ubuntu 20.04 local fossa

Ubuntu è la distribuzione più popolare al mondo, sia su server che su desktop. Questo è il motivo per cui questo elenco di distro Linux per sostituire CentOs 8 non avrebbe potuto essere completato senza Ubuntu.

Dato che utilizzo Ubuntu da molto tempo, mi sento a mio agio ad ospitare i miei server web su Ubuntu. Ma sono solo io. Se provieni dal dominio RHEL, su Ubuntu la gestione dei pacchetti è diversa, così come alcuni componenti di rete e di gestione.

La versione di Ubuntu LTS viene fornita con cinque anni di supporto, che è la metà di quello fornito da una versione di CentOS. Puoi optare per un supporto esteso a pagamento per una versione LTS obsoleta se non desideri aggiornare le versioni.