Come installare CentOS 8

Il progetto CentOS ha fornito alla comunità un sistema operativo gratuito di livello aziendale attraverso una ricompilazione della fonte Red Hat Enterprise Linux che è popolare tra molti utenti professionali Linux. Con il rilascio di Red Hat Enterprise Linux 8, per gli utenti di CentOS era naturale attendere anche la nuova versione di CentOS 8, che si è infine verificata il 24/09/2019.

Il nuovo CentOS 8 viene fornito con molte nuove funzionalità come BaseOS che fornisce pacchetti per la configurazione di un sistema operativo minimo, AppStream per le applicazioni aggiuntive per lo spazio utente di cui puoi avere bisogno, un nuovo strumento contenitore che utilizza Podman che sostituisce Docker.

In questo tutorial, seguiremo il processo che ti aiuterà a installare l’ultima versione di CentOS 8 attraverso un’installazione manuale e una buona comprensione degli schemi di partizionamento che offre.

Passaggio 1: Scarica CentOS 8

L’ultima versione di CentOS 8 può essere scaricata dal sito ufficiale di CentOS che offre download diretti o download torrent. La nuova dimensione della versione è di circa 7 GiB.

CentOS 8 richiede 2 GB di RAM per l’installazione ma si consigliano 4 GB. Supporta le seguenti architetture:

  • Architetture AMD e Intel a 64 bit
  • L’architettura ARM a 64 bit
  • IBM Power Systems, Little Endian

Passaggio 2: crea un dispositivo di avvio

Nel nostro caso, per eseguire l’installazione, useremo un dispositivo USB per renderlo avviabile. Avremo bisogno di una USB con almeno 8 GB. Per creare il dispositivo di avvio, utilizzeremo il comando dd, se il tuo dispositivo USB è sdb, utilizza il comando seguente

dd if=CentOS-8-x86_64-1905-dvd1.iso of=/dev/sdb

Assicurati di sostituire lo sdb che corrisponde al tuo dispositivo USB.

Passaggio 3: iniziare con il processo di installazione

Dovremo prima inserire il dispositivo USB e quindi avviarlo. Nel mio caso, il computer supporta l’installazione EFI, il che significa che eseguirò un processo di installazione EFI. Non è molto diverso da un’installazione BIOS e vedremo dove può essere diverso durante i prossimi passi della nostra guida.

Quando si avvia per un’installazione EFI o per un’installazione Bios, le schermate sono leggermente diverse ma ti consentiranno di eseguire le medesime operazioni.

Passaggio 4: scegliere la lingua per il processo di installazione

Dovrai scegliere la lingua che verrà utilizzata durante il processo.

Dopo che avrai selezionato la tua lingua, vedrai una pagina di riepilogo che mostra cosa fare dopo.

La videata ti mostrerà i diversi passaggi che dovrai completare per installare il tuo nuovo sistema.

Passaggio 6: selezionare la lingua della tastiera per il processo di installazione

Ora che hai selezionato la lingua per l’installazione, dovresti anche selezionare la lingua della tastiera.

Passaggio 7: configurare la rete e il nome host

Devi assicurarti di essere connesso a Internet in modo che potremo installare alcune funzionalità in seguito durante il processo. Dovremo attivare l’interfaccia di lavoro ed è anche una buona idea cambiare il nome host durante l’installazione.

Passaggio 8: configura la posizione e il fuso orario

È importante configurare la tua posizione e il tuo fuso orario in modo che durante i futuri aggiornamenti e l’installazione dei pacchetti, CentOS farà riferimento ai repository più vicini.

Passaggio 9: selezionare la destinazione per l’installazione

Ora scegli il disco rigido e assicurati di prendere la configurazione personalizzata per un partizionamento manuale.

Dopo aver convalidato la tua scelta, ti verrà chiesto di selezionare lo schema di partizionamento

Passaggio 10: scegliere lo schema di partizionamento

In questo passaggio, dovrai scegliere il tipo di installazione che desideri eseguire.

CentOS offre 3 tipi di schema di partizionamento per un partizionamento manuale:

  • Partizione standard che può contenere un file system o spazio di swap o fornire un contenitore per il software RAID o un volume fisico LVM
  • Partizione Logical Volume (LVM) che genera un volume logico LVM che è utile perché migliora le prestazioni quando si utilizzano dischi fisici. È pratico perché quando lo si utilizza, è possibile ridimensionare facilmente le partizioni aggiungendo un nuovo disco rigido.
  • Thin provisioning LVM che aiuta a gestire un pool di archiviazione di spazio libero, generalmente noto come thin pool. Il thin pool è utile perché può essere espanso dinamicamente quando necessario per un’allocazione economica dello spazio di archiviazione

Nel nostro caso, utilizzeremo lo schema di partizionamento standard per creare i diversi punti di montaggio di cui avremo bisogno.

Passaggio 11: creare i punti di montaggio

Per una nuova installazione, si consiglia di creare 4 punti di montaggio che sono

  • /boot: questa partizione contiene il kernel che consente l’avvio del nostro CentOS 8.
  • /: è la partizione di root contenente tutto il filesystem necessario per eseguire CentOS
  • /home: questa è la partizione contenente i tuoi dati personali
  • swap: questa partizione è utile viene fornita come compensazione quando non c’è memoria sufficiente. Puoi inserire 4 GB come valore medio.

Aggiungeremo un’altra partizione solo come esempio, ma puoi saltare la creazione di quest’ultima.

  • /var: contiene dati variabili come file di registrazione del sistema, posta, directory di spool della stampante, file temporanei e altro

A questo punto vedrai un elenco di punti di montaggio che puoi creare.

Creeremo prima la partizione /boot. Nel nostro caso, sarà la partizione EFI che sceglieremo.

Durante l’installazione di Bios, avrai solo /bootbios invece di quello con la menzione EFI.

Ora che è stato creato, diamo un’occhiata ai dettagli della nostra partizione di avvio EFI. Dobbiamo verificare se è stato selezionato il file system corretto.

Per il sistema BIOS, il risultato della partizione di avvio sarà leggermente diverso.

È importante notare che quando si sceglie un mount point, è necessario anche scegliere il file system appropriato a seconda di ciò che è necessario. Per quanto riguarda i filesystem disponibili durante l’installazione, avrai:

  • BIOS Boot necessario per l’avvio di un dispositivo su un sistema BIOS
  • EFI System Partition richiesta per l’avvio di un dispositivo su un sistema UEFI
  • vfat che è un file system Linux compatibile con i nomi di file lunghi di Microsoft Windows sul file system FAT
  • xfs questo filesystem supporta il journaling dei metadati che facilita il recupero più rapido degli arresti anomali. Supporta file system fino a 16 EiB e offre la possibilità di essere deframmentato e ridimensionato mentre montato e attivo
  • ext4 questo filesystem consente il supporto per file system più grandi e file più grandi. È più veloce ed efficiente per l’allocazione dello spazio su disco con un controllo del file system più rapido e un journaling efficace. È un’evoluzione di ext3
  • ext3 Questo offre il vantaggio principale che è il filesystem journaling. Riduce il tempo impiegato per il ripristino di un file system dopo un arresto anomalo
  • ext2 supporta tipi di file Unix standard, inclusi file regolari, ecc. e offre la possibilità di assegnare nomi di file lunghi fino a 255 caratteri

Seguiremo lo stesso processo per creare le altre partizioni. Ora crea la partizione di root.

Dopo la creazione, controlla le informazioni della partizione creata. Nel nostro caso, useremo il filesystem xfs.

Seguiremo lo stesso processo per creare la partizione /home.

Controlla se le informazioni sul filesystem della partizione sono anche xfs.

Ora possiamo creare la partizione di swap.

Per lo scambio il filesystem non sarà xfs ma swap.

Arrivato a questo punto puoi creare la partizione /var, e assicurati anche di usare il filesystem xfs.

Al termine, selezionare fatto. Vedrai una finestra con un riepilogo di ciò che è stato fatto durante il processo di partizionamento

Ricordati di applicare le modifiche.

Passaggio 12: selezionare l’ambiente server e le funzionalità da installare

Ora dovrai configurare la selezione del software.

Sceglierai se vuoi un server GUI o uno minimal senza l’ambiente grafico o un altro. Puoi anche scegliere quali funzionalità vuoi direttamente installare.

È possibile installare ad esempio gli strumenti di sviluppo che installeranno tutti gli strumenti necessari per la compilazione, ecc.

È inoltre possibile installare gli agenti guest se si esegue un hypervisor. Seleziona tutto ciò che può esserti utile, ma tieni presente che più selezioni, più l’installazione richiederà tempo perché dovrà scaricare tutti i pacchetti.

Passaggio 13: iniziare l’installazione

Dopo aver scelto l’ambiente e la funzionalità, è possibile avviare il processo di installazione.

Ora inizieranno il download e l’installazione dei diversi pacchetti

Passaggio 14: crea il tuo account utente

Durante il processo di installazione, puoi creare il tuo account utente.

Consiglio di creare il tuo account utente con privilegi di amministratore.

Passaggio 15: configurare la password di root

Dovrai configurare la password di root. Si consiglia di utilizzare uno più forte che dovrebbe essere diverso dalla password del proprio account utente per un po ‘di sicurezza

Ora il processo di installazione può continuare. Ti verrà chiesto di riavviare al termine del processo

Passaggio 16: riavviare e accettare il contratto di licenza

Ora puoi riavviare. Vedrai il tuo nuovo grub e ti presenterà l’accordo di licenza di CentOS 8: devi solo accettare le condizioni.

Ora puoi completare la configurazione.

Passaggio 17: Accedi al tuo nuovo sistema

Ora puoi accedere al tuo nuovo CentOS 8.

Puoi vedere la pagina di benvenuto. Dovrai confermare alcune configurazioni di sistema.

Devi confermare la lingua della tastiera e confermare l’impostazione della privacy.

Configurare gli account online se necessario.

Ora puoi iniziare a usare CentOS 8 e vedrai la pagina di avvio di gnome.

Ora finalmente puoi goderti il ​​tuo CentOS 8.

Conclusione

CentOS 8 offre molte nuove funzionalità rispetto a CentOS 7. Ci sono alcune funzionalità che sono deprecate e che sono state rimosse, puoi avere tutti i dettagli controllando la nota ufficiale di rilascio di CentOS.

Prenditi il tempo per esplorare la documentazione di CentOS 8 per ulteriori informazioni.