La pubblicità online ha superato quella in TV: ha senso investire in spot pubblicitari?

Secondo i dati resi noti dall’Osservatorio Internet Media risalenti al 2020 la pubblicità online avrebbe raggiunto un valore superiore a quello degli spot pubblicitari televisivi. Per la prima volta, quindi, la promozione digital avrebbe sorpassato quella tradizionale. Allora come mai le agenzie come questa agenzia specializzata in spot pubblicitari Milano sono così popolari e richieste?

Il mercato della pubblicità nel 2020

Il mercato della pubblicità ha chiuso il 2020 con un valore di quasi 15 miliardi di euro, registrando una piccola flessione rispetto all’anno precedente. Tale decrescita corrisponderebbe alle perdite registrate sulla pubblicità televisiva che sono state rimpiazzate dal decollo di quella digitale. La pubblicità in rete, al 2020, corrisponde ad un valore di mercato pari al 43% contro il 41% degli spot televisivi. Seguono stampa, radio e altri mezzi con minime percentuali. Ci troviamo davanti a dati sensazionali che, tuttavia, non mettono in crisi il lato dell’offerta che lavora a ritmi molto serrati. Come mai?

Le aziende continuano a credere nella pubblicità

Innanzitutto questi dati segnalano che le aziende credono nella pubblicità e continuano a fare investimenti in marketing, comunicazione e promozione. Chiaramente scopriamo oggi che i nuovi canali di intrattenimento e informazione hanno preso il posto di TV, radio e stampa perché il trend è iniziato dagli arbori dell’Internet.

L’esigenza della multi-canalità

La spiegazione risiede nell’esigenza di multi-canalità dei brand che investono per essere presenti su tutti i mezzi, inclusi quelli tradizionali. Quindi lo spot pubblicitario video assume valore perché è un formato che può essere realizzato per qualsiasi piattaforma ad esclusione di radio e stampa. In pratica un video promozionale può essere condiviso su social e siti web così come in televisione semplicemente cambiando formati e registri linguistici.

Mezzi differenti, stessa proposta

Ecco perché moltissime aziende al passo con i tempi non hanno smesso di produrre spot pubblicitari ma li hanno semplicemente modificati per rispondere al bisogno informativo delle persone. I budget destinati al comparto marketing sono stati redistribuiti per coprire tutti i mezzi di comunicazione diversificandone forme e contenuti ma senza alterare la promessa di valore del brand.

Le regole dello spot pubblicitario efficace

Uno spot pubblicitario efficace deve tener conto del pubblico a cui si rivolge e di dove questo è solito informarsi. Ecco perché sono nati mini formati pensati per Instagram, TikTok, Facebook e persino per le aziende che forniscono contenuti televisivi on demand. Il luogo virtuale in cui questi sono trasmessi influenza la durata, la forma ed il linguaggio. Tuttavia tali fattori devono continuare a ruotare attorno alla proposta di valore del brand, ovvero alla soluzione che offrono e che spiega ai clienti perché sceglierlo rispetto ad altri simili.

Quindi oggi ha più che mai senso investire in spot pubblicitari ma tenendo conto che le regole del mercato sono gestite dalla controparte web, della personalizzazione dell’offerta e delle nuove esigenze informative dei consumatori. Per fare tutto questo, ovviamente, non c’è altro da fare che rivolgersi ad agenzie qualificate e ascoltare il parere dell’esperto.